Dj Fabo, che si è spezzato dentro

Dj Fabo ha avuto un incidente, e non ha sopportato le conseguenze. Altri (per esempio Bebe Vio, Alex Zanardi, Stephen Hawking) hanno avuto reazioni diverse. Ognuno è stato perfettamente libero di decidere per se stesso, e non può esserci discussione su questo.

di: Guido Tedoldi

Dj Fabo non ce la faceva più a vivere. Così ha scelto di morire e ha trovato il modo di farlo. Era totalmente libero di decidere della propria vita, e ha deciso.

Poi vengono in mente altre persone: Bebe Vio, Alex Zanardi, Stephen Hawking. Anche loro, come ogni persona al mondo, totalmente libere di decidere del proprio destino. E anche loro hanno dato seguito alla decisione presa.

La storia di Fabiano Antoniani, in arte Dj Fabo, negli ultimi giorni è stata tra le più presenti sulle prime pagine dei mass media italiani. In sintesi, dopo un incidente Dj Fabo è rimasto tetraplegico e ha chiesto al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il permesso di morire in Italia. Senonché le leggi italiane non lo permettono e quindi lui si è fatto trasportare in Svizzera, dove invece le leggi permettono alle persone di decidere, in particolari condizioni, se continuare a vivere oppure morire (dopo un referendum apposito indetto il 15 maggio 2011, come riportato da Pietro Colaprico su la Repubblica cartacea di oggi, 28 febbraio).

Di Bebe Vio e Alex Zanardi i mass media molto parlato nell’estate 2016, quando entrambi hanno vinto medaglie alle Paralimpiadi di Rio De Janeiro. Bebe Vio ha sia le braccia sia le gambe amputate a causa di una meningite che l’ha colpita da bambina, e quindi indossa quotidianamente 4 protesi artificiali. Nonostante questo è la schermitrice paralimpica più forte al mondo. Alex Zanardi faceva il pilota di macchine da corsa, fino a che ha perso le gambe in un incidente. In condizioni normali anche lui indossa 2 protesi artificiali, ma se le toglie quando sale sulla hand bike – e diventa uno dei corridori più forti al mondo con quel mezzo.

La vicenda di Stephen Hawking è ancora più impressionante. Lui di protesi non ne ha, perché è costretto da decenni su una sedia a rotelle a causa di una malattia. Nonostante ciò è uno dei cervelli migliori di cui l’umanità disponga attualmente, tra i pochi a capire in profondità cosa succede alle stelle e ai buchi neri alla fine della loro esistenza: ha calcolato che i buchi neri possono evaporare, e pochi gli credevano sulla fiducia, ma poi gli strumenti hanno verificato che i buchi neri evaporano davvero (qualche informazione la si può trovare sulla Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Dal_big_bang_ai_buchi_neri._Breve_storia_del_tempo).

Al cospetto di simili personaggi ci rendiamo conto che siamo tutti paralimpici. Possiamo avere un gran fisico e allenarlo intensamente in palestra, e un gran cervello riempito di cultura. Poi troviamo uno che ha 10 kg in più di muscoli e rischiamo di sentirci inferiori, finiti. Oppure giochiamo a scacchi con uno smartphone e rischiamo di sentirci degli ignoranti totali (l’ultima volta che un umano ha sconfitto un computer era il 1996, più di 20 anni fa, quando il campione del mondo dell’epoca, Garry Kasparov, sconfisse Deep Blue, macchina costruita apposta da Ibm. Oggi nessun umano è in grado di sconfiggere uno smartphone su cui gira un motore scacchistico).

Ogni persona ha un punto di rottura, probabilmente. Superato quello, non ce la fa più. E non ci può essere discussione circa le decisioni che prende.

Autore: Guidoio

Sono un blogger, e ho un'idea circa quello che significhi e che, per qualche tempo, tenterò di far significare nel futuro. Sono nato nel 1965, nella provincia bergamasca, in una famiglia operaia (all'epoca esistevano). La televisione in bianco e nero entrò in casa mia quando ero bambino, il telefono arrivò dopo. Nella mia prima vita sono stato barista, operaio, venditore di libri. Nella seconda vita sono stato giornalista, ho aperto un giornale su carta, non mi sono adeguato alle usanze della tribù. Adesso apro questo sito, con un obiettivo che mi pare plausibile e la curiosità di vedere come potrà concretizzarsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...